I teatri più famosi a Milano

Milano è una città poliedrica che offre davvero tutto ai cittadini e ai turisti che la vogliono esplorare. Tra le grandi attrattive culturali ci sono sicuramente i teatri, primo tra tutti quello della Scala.

Teatro della Scala

Il Teatro della Scala è un ottimo motivo per visitare Milano, dato che si tratta di uno dei più prestigiosi teatri d’opera del mondo. Questo è stato aperto il 3 agosto 1778 sotto il patrocinio di Maria Teresa d’Austria, per sostituire il Teatro Reale Ducale che era stato distrutto da un incendio nel 1776. È stato progettato da Giuseppe Piermarini, il grande architetto neoclassico ed è stato aperto dall’opera di Salieri “L’Europa riconosciuta”. Il Teatro alla Scala è stato distrutto durante la seconda guerra mondiale, poi è stato ricostruito e successivamente riaperto da Toscanini. Il teatro è stato chiuso nel 2001 per il restauro e la nuova stagione nel dicembre 2004 è stata inaugurata con l’opera che consacrò la prima apertura nel 1778, quella del Salieri diretta da Riccardo Muti.

Teatro Nuovo

Il Teatro Nuovo è stato fondato nel 1938, progettato dall’architetto Lancia e gestito da Remigio Paone, grande amico di Pirandello. Questo teatro ha sempre cercato di mostrare gli spettacoli più innovativi del tempo, tanto che molti autori importanti hanno rappresentato le proprie opere nel Teatro Nuovo. Ad esempio, Peppino de Filippo ha portato qui il suo “Natale in casa Cupiello”.

Teatro Leonardo da Vinci

Il Teatro Leonardo da Vinci è stato fondato nel 1979 da Fiorenzo Grassi e Gianni Valle. In origine era chiamato Teatro di Porta Romana fino a quando la compagnia teatrale Teatridithalia gli cambiò il nome in quello attuale. In questo teatro personaggi come Fassbinder, Rimbaud, Camus e Pasolini hanno rappresentato i propri drammi.

Teatro Manzoni

LTeatro Manzonia sua lunga tradizione di scrittori e registi ha avuto inizio nel 1850, quando sette nobili decisero di fondare questo teatro per aumentare l’importanza della prosa. Ad aprire la prima stagione furono “I martiri” di Carlo Torelli, “Amore senza stima” di Carlo Ferrari, “Kean” di Dumas e molti altri spettacoli.