Quali chiese visitare a Milano

A parte il Duomo e la chiesa di Santa Maria delle Grazie, a Milano ne esistono moltissime altre più o meno conosciute. Eccone alcune.

Basilica di San Lorenzo Maggiore

La Basilica di San Lorenzo Maggiore è una delle più importanti di Milano. All’esterno della chiesa si notano subito un tempio romano e le colonne corinzie, simbolo del dominio di questa antica civiltà che molti secoli fa ha conquistato l’Italia e il mondo. Infatti, si può notare la statua dell’imperatore Costantino, noto per aver concesso ai cristiani la libertà di professare la propria fede senza essere condannati a morte o perseguitati. La basilica rappresenta un esempio di architettura paleocristiana San Lorenzo Maggioree allo stesso tempo romana come testimonianza della convivenza delle due religioni (pagana e cristiana) in epoca imperiale e nei periodi successivi. Non ha avuto una storia molto fortunata. Infatti, dopo essere stata costruita nel IV secolo, ha subito numerosi danni nel corso dei secoli, tanto da dover essere restaurata tre volte (nel 1911, nel 1916 e nel 1937-38). La facciata e la cupola sono state aggiunte dopo le altre parti. Inoltre, nelle cappelle di San Sisto, Sant’Ippolito e Sant’Aquilino sono visibili alcuni affreschi e dei mosaici cristiani.

La Certosa di Garegnano

La Certosa di Garegnano nasce come un monastero certosino che nel 1349 è stato costruito dall’arcivescovo Giovanni Visconti. Ricostruita tra la fine del 1500 e l’inizio del 1600 per mano di Pellegrino Tibaldi, adesso è visibile solo in minima parte rispetto alla struttura originale. Vincenzo Seregni ha eseguito i lavori all’interno dell’edificio, mentre Daniele Crespi ha decorato la navata con meravigliosi affreschi che mostrano alcuni episodi del fondatore dell’ordine dei Certosini, San Brunone, e della storia dell’ordine stesso. Sulla parte destra del monastero, c’è anche un chiostro che è stato costruito alla fine del XVI secolo. Questo è sicuramente un luogo da visitare se si va a Milano.